Tentò rapire neonata, chiede perdono

"Ho avuto paura che il mio compagno mi lasciasse, per questo ho provato a rapire la neonata. Chiedo perdono alla madre per quello che ho fatto". E' un passaggio dell'interrogatorio della 33enne ecuadoriana imputata a Milano per avere provato a rapire una bambina appena nata nel luglio scorso alla clinica Mangiagalli. La donna, in lacrime, ha detto di "pentirsi molto" del folle gesto che avrebbe compiuto perché temeva che il suo attuale fidanzato interrompesse la relazione con lei a causa di un aborto avuto pochi giorni prima. Come ha raccontato in aula, la casalinga di Mediglia (Milano), in cella a San Vittore da circa 7 mesi e che ha già una figlia di 7 anni avuta da una relazione precedente, era stata abbandonata dal convivente di allora dopo l'aborto del loro secondo figlio, avvenuto nel novembre 2016. L'udienza è stata aggiornata al prossimo 27 marzo.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. VareseNews
  2. La provincia pavese
  3. Piacenza 24
  4. Piacenza 24
  5. Piacenza 24

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Pietra de' Giorgi

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...

    */